FiumicinoToday

Maccarese: scritta su Anna Frank davanti una scuola. La lezione della preside in una lettera

La replica è arrivata dalla preside del liceo, Antonella Maucioni, attraverso una lettera, pubblicata anche sul sito della scuola

"Lo sai che Anna Frank è del Da Vinci?". Dopo le scritte post derby di laziali e romanisti, ancora una scritta antisemita. Questa volta non a Roma, ma nel comune di Fiumicino, davanti all'Istituto Leonardo Da Vinci di Maccarese. La replica è arrivata dalla preside del liceo, Antonella Maucioni, attraverso una lettera, pubblicata anche sul sito della scuola, dal titolo "La solita orribile frase". 

"Di volta in volta questa adolescente dal volto sorridente e dallo sguardo vivido e intelligente, travolta e stroncata da eventi tragici tanto più grandi di lei e diventata simbolo del dolore, dell'annientamento dell'altro, del genocidio", scrive la dirigente, "diviene per opera degli ignoranti razzisti di turno proprietà 'di qualcuno'. Come se affermare che una ragazza vittima della Shoah appartiene a una scuola, a una squadra, a un quartiere fosse una forma di spregio e dileggio di quell'Istituto, di quella squadra, di quel quartiere. È solo, invece, ignoranza e barbarie. Niente altro che questo che lascia però in bocca l'amaro sapore della violenza", si legge. 

La lettera completa della professoressa Antonella Maucioni

Una lettera profonda, una lezione per tutti. "Usare il nome di una ragazzina testimone di un orrore come l'Olocausto per offendere dei coetanei non fa che perpetrare quell'orrore – dichiara il sindaco Esterino Montino -. Anna Frank era un'adolescente e fu uccisa solo perché ebrea da un regime brutale e violento come quello nazista. Come si può considerare il suo nome alla stregua di un'offesa?.

"Sono fiero della risposta dei ragazzi e delle ragazze del Da Vinci che, invece, rivendicano quel nome con orgoglio – sottolinea Montino - rigettando l'odio che sta all'origine di questo gesto. Sono fiero che su questo tema abbiano organizzato un'assemblea d'istituto e ringrazio la preside, la professoressa Maucioni, per la lettera che ha inviato alla stampa e per il suo impegno costante".

"Quello che è successo al Da Vinci testimonia come sia fondamentale il Progetto Memoria che ogni anno il Comune porta avanti proprio con le scuole del territorio – evidenzia il Sindaco - e per questo continueremo imperterriti a farlo. La conoscenza della storia e della la memoria sono ingredienti fondamentali per formare cittadini migliori e società sane".

"Lo sai che Anna frank è del L. Da Vinci?" Ecco la scritta che compare su una fermata dell'autobus. Una scritta che offende noi, il nostro Istituto, ma soprattutto la sensibilità di un avvenimento che ha segnato in modo irreparabile la storia dell'umanità. Incommentabile, lascia senza parole tutto ciò. Non sappiamo chi ne sia l'autore, cosa ci trovi di divertente, ma sappiamo che, nel 2019, tutto questo è fuori dal mondo. Si, Anna Frank è una ragazza come noi, un' adolescente come noi, testimone della crudeltà più inaudita. Crudeltà di cui vi fate complici scrivendo queste cose su una comune fermata dell'autobus. Denunciamo tutto questo, denunciamo questo tipo di vandalismo e indecenza. Perché sì, Anna Frank è anche del Da Vinci, e ne siamo orgogliosi. Grazie a @stellati_simone per la segnalazione. Segnaliamo a @esterino.montino questo scempio.

Un post condiviso da Benvenuti,studenti, nella DVG. (@da_vinci_gang) in data:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: tram, bus e metro a rischio lunedì 24 febbraio. Orari e fasce di garanzie

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Domenica blocco auto a Roma: chi può circolare domani 23 febbraio

  • Blocco traffico: a Roma oggi domenica senza auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Perde zainetto sul bus e lancia appello: "Offro ricompensa a chi lo trova. Ci sono documenti medici"

  • Lungotevere, si scontra con un'auto e perde controllo dello scooter: così è morto l'antiquario di Prati

Torna su
RomaToday è in caricamento