FiumicinoToday

Dopo i matrimoni in spiaggia ecco quelli nell'oasi Wwf, la prima coppia di sposi sarà di Roma

La location sarà l'oasi di Macchiagrande. Il sindaco Montino: "Sono ben 350 i matrimoni e le unioni civili celebrate fino a oggi"

Spiagge, parchi, castelli, agriturismi e non solo. I siti autorizzati dal Comune di Fiumicino in cui poter dire il fatidico 'sì' aumentano. L'Oasi di Macchiagrande, a Fregene, infatti si appresta ad ospitare il primo matrimonio della sua storia.

Lo annunciano, insieme, il sindaco di Fiumicino Esterino Montino e il responsabile dell'Oasi Riccardo Di Giuseppe. "Se in genere si dice che il matrimonio è in bianco, stavolta è proprio il caso di dirlo, parliamo di un vero e proprio rito civile 'in verde'. Sono davvero felice che alla nostra lunga lista si aggiunga nello svolgimento del rito questa location – afferma Montino – anche in questo il nostro Comune si pone all’avanguardia in Italia. Ricordo inoltre che sono ben 350 i matrimoni e le unioni civili celebrate fino a oggi in luoghi diversi dalle sedi istituzionali, come ad esempio le spiagge".

OASI1 (1)-2

"A giugno – anticipa Di Giuseppe – si sposerà una coppia di Roma. Il matrimonio verrà celebrato in un luogo suggestivo dell'oasi, ovvero la lecceta, che già di per sé offre un'ambientazione molto particolare. Sarà quindi una bellissima giornata, sia per gli sposi che per noi che avremo l’opportunità di ospitarli".  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

Torna su
RomaToday è in caricamento