FiumicinoToday

Fregene, la mareggiata abbatte i muri degli stabilimenti

Dopo Ostia anche Fregene subisce i danni dell'erosione. Il sindaco di Fiumicino Montino: "Chiedo che gli interventi da parte della Regione siano rapidi e finalmente risolutivi"

Fregene come Ostia. La mareggiata fa danni. E se sul litorale del mare di Roma a farne le spese è stato lo stabilimento La Nuova Pinenta-Pinetina, a Fregene Sud il mare grosso e il forte vento di questa notte ha colpito i lidi dalla Perla fino ad arrivare al Cigno.

Tante sono le strutture che hanno subito ingenti danni. I muri, che dividono gli stabilimenti dal mare, in alcuni casi sono anche crollati. Il problema dell'erosione si sta facendo sempre più critico sul litorale mettendo in ginocchio numerose attività.

"Chiedo che gli interventi da parte della Regione siano rapidi e finalmente risolutivi di una situazione che ogni giorno di più infligge danni pesantissimi al sistema turistico ed economico del nostro territorio. - commenta il sindaco di Fiumicino Esterino Montino - Rinnovo dunque il mio appello per risolvere il problema alla Regione Lazio, e in particolare all’assessore alle Infrastrutture, Politiche Abitative, Enti Locali Fabio Refrigeri, che solo qualche settimana fa ha effettuato un sopralluogo insieme a me sul nostro litorale e potuto verificare con i propri occhi la devastazione che il mare sta compiendo su diverse strutture".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento