FiumicinoToday

Nuova casa dell'acqua a Testa di Lepre: è la terza per Fiumicino

L'installazione di Acea metterà a disposizione acqua sempre fresca permettendo anche la riduzione della plastica: è la numero 86 sul territorio dell'area metropolitana di Roma

Fiumicino ha la sua terza casa dell’acqua, quella di Testa di Lepre. Come le altre due, posizionate in zona Passo Scuro e Isola Sacra, permetterà agli abitanti della zona di avere erogata sempre acqua fresca, naturale e frizzante, contribuendo così alla riduzione dell'uso della plastica. 

Testa di Lepre: arriva la casa dell’acqua

"Per Acea – ha detto l'Amministratore delegato di Acea, Stefano Donnarumma - è un ulteriore segnale di attenzione alle esigenze del territorio". 

“Una risposta alle richieste possibile grazie alla collaborazione con Acea, alla quale, come sapete, non risparmiamo critiche quando servono, ma a cui dobbiamo riconoscere una storia importante e gli oneri di gestire una rete idrica vastissima” – il commento del Sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, che ha ringraziato Acea e la cooperativa della carne che ha messo a disposizione l'area per l'installazione dell'impianto. 

“Un'altra risposta di un'amministrazione che sta sul territorio con i propri cittadini guardando anche all'ambiente. La casetta, infatti, ha anche lo scopo di ridurre il consumo di plastica e, dunque, l'inquinamento”. 

A Testa di Lepre l’86esima casa dell’acqua di Acea

La casa dell’acqua di Testa di Lepre è la numero 86 posizionata da Acea sul territorio, di cui 22 a Roma e 64 negli altri comuni dell'Area metropolitana.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento